Come avere successo su Instagram e sconfiggere l’algoritmo

Come avere successo su Instagram e sconfiggere l’algoritmo

Come avere successo su Instagram e sconfiggere l’algoritmo.

 

Partiamo subito da un malinteso: per avere successo su Instagram devi sapere che non c’è un solo algoritmo.

In realtà su Instagram ci sono più algoritmi in gioco. 

Ad esempio, l’ algoritmo del feed di Instagram è diverso dall’algoritmo della pagina Explore di Instagram e l’ algoritmo IGTV è diverso dall’algoritmo di Instagram Reels .

Sebbene ogni algoritmo sia leggermente diverso per ogni esperienza, funzionano tutti sullo stesso principio: fornire contenuti che è più probabile che gli utenti trovino interessanti.  

 

L’algoritmo del feed calcola la classifica in base a quattro fattori chiave:

  • Informazioni sul post stesso: è una foto o un video? Di che argomento si tratta? Ha molti like?
  • Informazioni sull’autore del post: è un amico? Posta spesso?
  • La tua attività: tendi a guardare molti video? Con quali contenuti interagisci di solito?
  • La tua cronologia delle interazioni: ti piacciono o commenti molti dei post dell’autore del post?

Sulla base di queste informazioni, l’algoritmo calcola la probabilità che qualcuno interagisca con un post, noto come punteggio di interesse , che alla fine determina l’ordine in cui i post vengono visualizzati nel feed di qualcuno.

 

L’algoritmo del feed considera anche la probabilità di cinque interazioni “importanti”:

Queste interazioni chiave vengono prese in considerazione dall’algoritmo nel determinare il ranking del feed:

  • Tempo speso: passerai del tempo sul post?
  • Mi piace: quanto è probabile che ti piaccia il post?
  • Commento: quanto è probabile che commenterai il post?
  • Salva: con cheprobabilità salverai il post?
  • Vai il profilo: con che probabilità tocchi il profilo dopo aver visto il post?

Se l’algoritmo calcola che è improbabile che qualcuno esegua una di queste interazioni su un post, verrà penalizzato nel feed.

 

Il tempo è un segnale importante, ma non l’unico segnale.

Quando si tratta degli algoritmi di Instagram, la tempestività (cioè quando un post è stato condiviso) è importante.

Tuttavia, non è l’unico segnale: il feed è approssimativamente, ma non strettamente, cronologico.

Ciò significa che un post potrebbe essere mostrato prima di uno più recente, se l’algoritmo determina che ha un punteggio di interesse più alto per quell’utente.

 

Tuttavia, con il passare del tempo, la recency (quanto recentemente quel post è stato pubblicato) supererà il punteggio di interesse e l’algoritmo favorirà invece i post più recenti.  

 

Tutti i tipi di account sono trattati allo stesso modo (personale, aziendale e creator)

In una serie di storie sull’account Creators, Instagram ha confermato che tutti i tipi di account sono trattati allo stesso modo quando si tratta di algoritmi.

Ciò significa che puoi avere un account personale, aziendale o creator e non fa alcuna differenza sul rendimento dei tuoi contenuti.

 

Ogni commento conta come un’interazione. 

Uno dei miti più longevi sull’algoritmo di Instagram è che non conta i commenti di lunghezza inferiore a tre parole.

La realtà? Tutti i commenti vengono presi in considerazione, anche se contengono solo una o due emoji.

I commenti sono un importante indicatore di coinvolgimento per l’algoritmo di Instagram, quindi con questo in mente, è una buona idea rispondere regolarmente ai tuoi commenti.

Ciò non solo manterrà le conversazioni attive sui tuoi post, ma mostrerà anche al tuo pubblico che sei coinvolto, il che può essere ottimo per promuovere più interazioni.

 

Il numero di interazioni nei primi 30 minuti non determina la classifica.

Instagram ha confermato che il numero di interazioni che un post riceve nei suoi primi 30 minuti non determina il ranking del feed.

Come abbiamo condiviso sopra, l’algoritmo del feed determina la classificazione dei post in base a quattro fattori chiave, che non sono limitati ai primi 30 minuti.

Tuttavia, è una buona idea condividere i tuoi post per allinearli al momento in cui è più probabile che il tuo pubblico interagisca con i tuoi contenuti .

 

L’algoritmo di feed non favorisce il video rispetto alle foto.

L’algoritmo del feed di Instagram non fa differenze tra i contenuti di foto e video.

Tuttavia, i contenuti video sono in genere più coinvolgenti e ottengono più “tempo speso” per post, due indicatori importanti per l’algoritmo.

Pertanto, i contenuti video generalmente superano i contenuti fotografici sull’app, un fattore chiave da tenere in considerazione.

 

Bot e pod di commento non funzionano. 

Grazie all’algoritmo di apprendimento automatico di Instagram, le interazioni false (come l’utilizzo di bot o pod dei commenti) verranno sempre identificate e classificate come tali.

In un Q&A su Instagram Stories, Instagram ha condiviso che il modo migliore per costruire un coinvolgimento sostenibile è essere autentici e trasparenti sulla piattaforma.

In breve? Cercare di imbrogliare il sistema non funziona, non importa quanto elaborato sia il tuo schema.

Se vuoi davvero avere successo su Instagram, la cosa più importante è pubblicare in modo coerente e coinvolgere regolarmente il tuo pubblico.

 

 

Roberta Torresan

TAGS:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Corso per Aspiranti Wedding Planner

X