Tutti hanno un piano, finché…

Tutti hanno un piano, finché…

Tutti hanno un piano, finché…

Vuoi sapere come finisce questa famosa citazione? “Tutti hanno un piano finché non prendono il primo pugno!”

 

Tutti hanno un piano prima di iniziare una attività o prima di affrontare un viaggio.

 

Alcuni continuano ad affinare il loro piano, e per mancanza di concretezza e di autostima, non fanno mai il primo passo.

 

Tentennano, si perfezionano, cambiano idea e allontanano il fatidico momento in cui dovranno mettere alla prova della verità quello che hanno preparato così a lungo.

 

Tutti però studiano in vista del passaggio all’azione, e si convincono di potercela fare.

 

Abbiamo parlato più volte della necessità di tradurre il pensiero in azione e di “fare qualcosa“, anzichè stare a guardare mentre gli altri vanno avanti.

 

C’è però un altro aspetto da non sottovalutare. Ed è un ostacolo che molti sottovalutano, mentre potrebbe diventare un macigno se non lo valuterai in anticipo.

 

Infatti, quando si tratta di entrare in gioco nella vita reale, non è detto che il successo arrivi al primo tentativo, anzi.
Molto più probabilmente il tuo piano perfetto potrebbe scontrarsi con la dura realtà e sbatterti al tappeto in modo impietoso.

 

Non puoi sapere cosa succederà finche non ti metterai alla prova, ma non sai nemmeno come reagirai alla prima ineluttabile sconfitta (arriva per tutti, e prima arriva meglio è!).

 

Lo dicono tutti, il mercato del Wedding Planning è difficile, agguerrito e pieno di improvvisazione; la concorrenza è tanta e l’esperienza richiede tempo e pazienza, oltre alla perseveranza di cui parliamo così tanto spesso.

 

Per questi e tanti altri motivi, i tuoi piani d’attacco saranno molto fragili se li avrai impostati semplicemente “presumendo” di essere nel giusto.

 

E le delusioni arriveranno implacabili anche se avrai dato ascolto a chi ti ha prospettato un rapido ingresso trionfale in questo settore.

 

Non puoi immaginare quante aspiranti wedding planners vengono abbattute per una inezia e poi non si riprendono più; avevano immaginato un mondo dorato dove la strada si spianava di fronte al loro passaggio, e si sono fermate alla prima banale difficoltà.

 

Meglio affidarsi a qualcuno che quel primo terribile pugno l’ha già preso. Si è rialzato, ha rivisto i suoi piani, li ha testati più e più volte e già sa dove sono gli scogli più grossi che dovrai evitare.

 

Ma qualcuno che sappia anche cosa ti serve per reagire quando sarà necessario, e cosa dovrai fare senza troppi indugi in un mondo dove non si fanno sconti a nessuno.

 

Se la salita non ti spaventa, e vuoi avere qualche preziosa freccia in più al tuo arco, ci vediamo al Corso per Wedding Planner dal 18 al 23 Febbraio a Roma.

 

Dove la trovo la Motivazione?

Dove la trovo la Motivazione?

Dove la trovo la Motivazione?

 

Ammettiamolo, anche i più esperti di noi a volte fanno fatica a trovare la motivazione per andare avanti, o anche solo per fare le cose più noiose ma assolutamente necessarie per il nostro lavoro.

 

Quante volte ti capita di sentire che le cose non vanno come tu vorresti e ti sembra che non accada nulla di quello che speravi e per cui tanto hai faticato? In questi casi dove la trovi la motivazione?

 

Figuriamoci una Wedding Planner senza esperienze e senza certezze che deve automotivarsi in vista di risultati che arriveranno non si sa bene quando…

 

E allora ti devi affidare ad una verità poco conosciuta, ma affermata da molti esperti e dagli stessi “motivatori”: la motivazione a volte non serve.

 

Cioè, se ce l’hai è meglio, ma non potrai averla sempre e tutti i giorni, come se tutto andasse sempre per il meglio.

 

Infatti la motivazione, ovunque tu la possa trovare, per definizione non è costante.

 

Potrebbe mancarti proprio quando ti verrò chiesto di tenere duro nei momenti difficili, oppure nei periodi più importanti della tua attività di Wedding Planning, quando cioè dovrei fare la differenza tra mollare e fare il grande salto.

 

E allora come sopperire alla motivazione? Solo con la disciplina, fatta di processi e procedure; prassi, abitudini e piccole regole da seguire a prescindere da come ti senti.

 

Sì, se le azioni necessarie diventeranno una routine, non dovrai appellarti alle tue forze interiori. Basterà seguire i piccoli passi che hai pianificato per bene in ogni tua attività, così che costanza e perseveranza diventino la tua regola imprescindibile.

 

Quindi, come avrai ben capito, in caso di necessità, quello che ti serve non è una spinta di motivazione aggiuntiva, ma qualcuno che ti insegni a lavorare e ad organizzare il tuo lavoro; a definire le tue priorità e a delegare correttamente i compiti.

 

Vuoi sapere quale effetto scaturirà da questa tua organizzazione? Anche gli Sposi avranno la percezione di avere trovato la professionista giusta, e sapranno che il loro matrimonio è in buone mani.

 

 

Roberta Torresan

 

E così vorresti diventare una Wedding Planner…

E così vorresti diventare una Wedding Planner…

E così vorresti diventare una Wedding Planner…

 

Spesso chi si approccia a questa professione (e a questo gruppo), perchè vuole diventare una Wedding Planner, è alla ricerca di risposte che gli facciano capire come funziona il nostro mondo.

Vogliono sapere se c’è mercato, se si guadagna, se è un lavoro divertente e appassionante.

La prima risposta, valida per tutte le domande è sempre la stessa: “Dipende da te e da quello che vuoi”.

Ma allora te le faccio io alcune domande, per capire se puoi veramente diventare una wedding planner, e se questo è il lavoro che fa per te.

Dimmi se riesci a rispondere con un bel SI‘ a tutte queste domande:

 

🚦Sei pronto a dedicare gran parte dei tuoi weekend agli sposi e a non avere orari certi e fissi?

 

🚦Hai preso atto che dovrai gestire con conoscenza di causa il Marketing della tua attività?

 

🚦Sei pronto ad investire in attività di marketing una buona parte dei tuoi guadagni?

 

🚦Hai deciso di investire su te stesso in formazione qualificata, su base continuativa?

 

 

🚦Hai competenze e atteggiamento da imprenditore e da venditore?

.

Ovviamente la lista è allungabile a piacimento, ma queste sono per me le principali caratteristiche di cui vi dovete dotare. Nel senso che possono essere apprese e messe in pratica.

Quanto vale il tuo tempo?

Quanto vale il tuo tempo?

Quanto vale il tuo tempo?

Quanto vale il tempo per una Wedding Planner come te?

Nel tuo lavoro è importantissimo prendere maggiore consapevolezza che ogni tua decisione inciderà sulla qualità del risultato ma anche sulla qualità della tua vita.

Quindi ogni scelta efficace e saggia deve tenere in considerazione tutti i fattori in gioco e cioè:
🔹Energia
🔹Tempo
🔹Soldi

Perciò determinato il valore del tuo tempo, la prossima volta che ti trovi a prendere una decisione se fare tu stesso (o da solo) una cosa, poniti prima le seguenti domande (nell’ordine in cui te le presento):

Ho l’energia per fare questa attività ?
Fare questa attività aumenta o diminuisce la mia energia ?
Questa attività è importante per me ?
Quanto tempo impiego io a fare questa attività ?
Ho tutte le capacità per portarla a termine da solo con successo ?
La potrei fare in meno tempo con l’aiuto di qualcun altro ?
Se io non facessi questa attività, cosa farei di questo tempo ?
Per fare questa attività, a cosa rinuncio ?
Quanti soldi mi costa fare questa attività da solo ?
Potrei spendere di meno con l’aiuto di un professionista ?
Per fare questa attività, devo rinunciare a qualcosa che mi potrebbe far guadagnare di più ?
Per fare questa attività in prima persona rinuncio a del tempo da trascorrere con le persone che mi sono più care?


Alla luce di queste domande cosa decideresti di non fare più rispetto al passato?

Quanto vale una Wedding Planner che da il giusto valore al tempo?

 

Ma quanto costa un Corso per Wedding Planner?

Ma quanto costa un Corso per Wedding Planner?

Ma quanto costa un Corso per Wedding Planner?

Ecco la domanda che rimbomba sul web e tra tutte le persone che vogliono iniziare questa carriera, alla ricerca di un corso base per diventare Wedding Planner: “Sì ok, ma quanto costa un corso per wedding planner?”

Purtroppo come si dice in questi casi, la domanda è mal posta, o meglio, la risposta rischia di diventare evasiva alle orecchie di chi vuole solo sapere il prezzo.

Ma questa situazione ci è famigliare con gli sposi alla ricerca del prezzo, e quindi sappiamo come gestirla.

Infatti “il cliente va educato” sia che si tratti di una sposa sia che si tratti di una aspirante Wedding Planner. Nel suo interesse, per evitare che commetta errori e poi si penta troppo tardi.

Prima di tutto sgombriamo il campo da un equivocodi fondo: un corso non ti farà mai diventare wedding planner nell’arco di pochi giorni e nemmeno settimane. Non c’è diploma o attestato che possa affermare che tu sia diventata  una wedding planner come per magia.

La formazione é un percorso continuo che deve puntare alla crescita di pari passo con l’esperienza sul campo e con lo sviluppo di una mentalita imprenditoriale.

E qui veniamo al secondo punto. I contenuti del corso sono la prima cosa che devi verificare per carpirne la qualità e per avere una idea di dove ti porterà. Se il corso é una specie di laboratorio dove si praticano allestimenti e lavori manuali, puoi proseguire nella tua ricerca.

Infatti ricorda che nessun corso può farti diventare “creativa” e soprattutto non deve essere questo il tuo obiettivo. Ad una Wedding Planner professionista sono richieste ben altre competenze.

Se il programma è vago e fumoso, oppure se non ritieni di essere in grado di valutarne i contenuti, vai sul sicuro. Verifica chi è il docente, ha le credenziali per poter insegnare? Cosa fa nella vita? Chi sono isuoi clienti? Quanti matrimoni ha gia realizzato? Cosa dicono gli allievi dei suoi corsi? Cosa dicono i suoi colleghi, quale è la sua reputazione nel settore?

Se riesci a trovare delle informazioni che ti aiutino a rispondere a queste domande avrai già capito se stai scegliendo il corso giusto.

Quindi quanto costa un corso per wedding planner?

Non ti sarà difficile capire che se hai a che fare con un professionista che ti dedica del tempo per trasmetterti le sue esperienze e competenze, se c’è alle spalle una struttura amministrativa e organizzativa non improvvisata, se ti viene data veramente la possibilità di portare a casa un bagaglio di conoscenze da mettere a frutto per costruire il tuo futuro lavorativo, allora il corso non può costare una bazzecola.

Se hai già fatto una bella ricerca in rete vedrai che i corsi migliori sono abbastanza allineati sui prezzi e rappresentano una forma di investimento alla quale dovrai aggiungere la tua motivazione e la tua forza di volontà (a dire il vero io ho pensato ad integrare i miei corsi anche con una parte “motivazionale” perché credo sia fondamentale lavorare anche sul nostro lato più emotivo).

Ultimo ma non ultimo, ignora le polemiche perché il web ne è stracolmo e punta al tuo obiettivo.  La scelta del corso è l’aspetto più importante e delicato del tuo percorso, perché può incidere positivamente su tutto ciò che deciderai di fare dopo, oppure deluderti e farti rinunciare a dare una svolta alla tua vita.

Ora tocca a te fare il primo passo….

Roberta Torresan

 

Avevo un desiderio che a molti sembrava impossibile.

Avevo un desiderio che a molti sembrava impossibile.

Avevo un desiderio che a molti sembrava impossibile.

 

Quando pubblicai il mio primo blog, e poi il mio primo sito, quando cominciai a lavorare per capire come tramutare in realtà (e in clienti veri) il mio desiderio di diventare una wedding planner, tutto questo sembrava impossibile.

A tanti, ma non a me.

Eppure ricordo bene quando mi presentavo per la prima volta presso locations che non erano certo di prima scelta, e dove venivo trattata a dir poco con sufficienza; ricordo quando illustravo i miei obiettivi ambiziosi a persone del settore, che mi smontavano raccontandomi quanto i clienti non fossero pronti per la figura della wedding planner, o di come nessuno volesse spendere soldi inutili.

Se avessi dato retta anche solo ad alcuni di loro, oggi non sarei qui; oggi molte di quelle persone mi incensano o mi cercano perchè vorrebbero collaborare con me (tradotto: mi chiedono di portare loro i miei clienti).


Il messaggio che vi do è questo: non permettete a nessuno di demolire i vostri sogni, se ci credete davvero andate avanti per la vostra strada.


Se mi sono dedicata alla formazione, nel modo con cui io la interpreto, probabilmente è anche per questo: per lasciare aperte le porte che sono riuscita ad aprire, e mostrare le opportunità a chi le vuole veramente inseguire con tutte le sue forze.


❤️


“Non permettere mai a nessuno di dirti che non sai fare qualcosa. Ok? Se hai un sogno tu lo devi proteggere. Quando le persone non sanno fare qualcosa lo dicono a te che non la sai fare. Se vuoi qualcosa, vai e inseguila. Punto.” 


– La ricerca della felicità –

 

corso per wedding planner

 

Roberta Torresan

.cata-page-title, .page-header-wrap {background-color: #e49497;}.cata-page-title, .cata-page-title .page-header-wrap {min-height: 230px; }.cata-page-title .page-header-wrap .pagetitle-contents .title-subtitle *, .cata-page-title .page-header-wrap .pagetitle-contents .cata-breadcrumbs, .cata-page-title .page-header-wrap .pagetitle-contents .cata-breadcrumbs *, .cata-autofade-text .fading-texts-container { color:#FFFFFF !important; }.cata-page-title .page-header-wrap { background-image: url(http://onelove.catanisthemes.com/wp-content/themes/onelove/images/default/bg-page-title.jpg); }