Wedding Blog: come scrivere bene e comunicare meglio

Wedding Blog: come scrivere bene e comunicare meglio

Wedding Blog: come scrivere bene e comunicare meglio

Nell’ultima diretta nel gruppo Wedding Planners Pro, abbiamo parlato di come scrivere il blog. Ci siamo soffermati su alcuni punti chiave utili a facilitare l’impresa anche a chi fa fatica a lasciarsi andare.

 

Sempre più spesso, nel momento in cui si progetta il sito della propria attività, ci si trova di fronte alla fatidica domanda: inserire o non inserire il blog?

Gli esperti lo consigliano per migliorare il posizionamento grazie all’utilizzo di buone pratiche SEO (argomento che non affronteremo in questa sede) e per farsi conoscere dal lettore/cliente attraverso contenuti originali e di valore.

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare: aprire il blog vuol dire soprattutto “mantenerlo”, quindi aggiornarlo periodicamente e caratterizzarlo attraverso un piano editoriale in linea con il brand.

 

A volte, ve lo garantisco, bastano piccole accortezze per agevolare i processi, ecco perché ho deciso di scrivere qui alcuni suggerimenti che vi aiuteranno a portare avanti il vostro wedding blog.

 

Per cominciare. Vi siete mai chiesti a cosa serve il blog?

Semplice. Il blog serve:

  • ad aiutare il lettore e a offrirgli le soluzioni che cerca
  • a mostrarsi come esperti del settore
  • a ispirare il lettore

Nel nostro campo di interesse quest’ultimo punto è molto importante. Riuscire a raccontare i sogni che siamo in grado di realizzare ci rende più accattivanti agli occhi degli sposi.

 

Prima progetto, poi scrivo.

Un lavoro ben organizzato è senz’altro un ottimo punto di partenza anche nella stesura di un blog post. È per questo che l’utilizzo della cosiddetta scaletta è imprescindibile per riuscire a comunicare a fondo quello che si vuole dire.

L’utilizzo della scaletta vi aiuterà anche a:

  • sviluppare con criterio i contenuti
  • centrare l’argomento principale e sviluppare con efficacia quelli secondari
  • scrivere più velocemente il testo.

 

Una buona scaletta prevede generalmente:

  • L’introduzione
  • Paragrafi e sotto paragrafi
  • Conclusioni
  • Call to action

 

Ricerca e rielaborazione delle fonti

Cari wedding planner, quante volte vi siete trovati a dover scrivere un articolo sulle nuove collezioni di abiti da sposa, sul colore pantone dell’anno, sui matrimoni in primavera? Sono argomenti che tra un, real wedding e un altro, capita a tutti di trattare.

Il rischio è quello di avere poche ispirazioni o ancor peggio redigere articoli fotocopia. Ecco allora cosa fare in questi casi e cosa no:

Non va bene:

  • Fidarsi solo di Internet
  • Modificare articoli trovati sul web limitandosi all’utilizzo di sinonimi.

 

Invece, va bene:

  • Leggere riviste di settore e blog stranieri
  • Ricostruire l’articolo da un nuovo punto di vista
  • Filtrare le informazioni attraverso la nostra esperienza: vi assicuro che può fare la differenza.

 

Stile, stile, stile

Lo stile nella scrittura, nella selezione delle immagini, nella scelta degli argomenti è quello che ci caratterizza. A fare la differenza in questo caso sono i dettagli, la cura che riusciamo a trasmettere nell’impaginazione dell’articolo, nel font, nell’utilizzo di fotografie originali, in alta risoluzione e rispettose dei formati richiesti.

Concludo questo articolo con alcuni consigli “di stile” che sono certa vi torneranno utili:

    • Utilizzate frasi chiare, incisive e ispirate;
    • Siate sinceri: attingete alla vostra esperienza e alle testimonianze che avete ricevuto sul vostro lavoro;
    • Analizzate, ricercate e comunicate.

 

Roberta Torresan

 

TAGS:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.